Cambiamenti climatici e agricoltura estensiva

Agricoltura - Estensiva

Agricoltura estensiva

L'agricoltura estensiva è un insieme di tecniche di coltura utilizzate per ottenere il massimo rendimento dai campi coltivabili, utilizzando anche, seppur minimamente, alcuni macchinari agricoli di base. Una particolarità di questo tipo di agricoltura è l'utilizzo di vasti terreni messi a coltura, così da aumentare il rendimento per ogni persona impiegata sul terreno.

Cambiamenti climatici dovuti ad agricoltura estensiva Foto di Tim Mossholder da Pexels

I processi dell'agricoltura estensiva

I processi agricoli utilizzati in questa tipologia di agricultura sono differenti dall'agricoltura intensiva. Oltre all'utilizzo minimo dei macchinari agricoli e ad un basso mantenimento degli investimenti, l'agricoltura estensiva permette una minore quantità di innesti per pezzamento di terreno, l'utilizzo di più ampi spazi per la coltura e la possibilità di lasciare a maggese (a riposo) altre parti del campo agricolo.

Queste modalità di lavoro della terra, consentono un maggior rispetto della natura conservando nel contempo una migliore fertilità e la possibiltà di utilizzare alcune parti dei campi al pascolo libero. La maggiore sostenibilità ambientale rispetto all'agricoltura intensiva è data da un minor utilizzo di input immessi nel terreno, dall'esclusione di fertilizzanti e dalla possibilità di un minor assorbimento di energia da parte dello stesso, contrastando l'inquinamento delle falde acquifere e in generale dell'ambiente.

I prodotti dell'agricoltura estensiva

I prodotti maggiormente ottenuti dall'agricoltura estensiva sono le piante foraggere o colture foraggere (specie vegetali utilizzate prevalentemente per l'alimentazione di bestiame domestico erbivoro), erba medica o erba spagna (pianta ebacea di tipo "perenne") e alcune tipologie di cereali.

Il futuro dell'agricoltura estensiva

L'agricoltura estensiva viene praticata soprattutto nelle aree in via di sviluppo dell'Asia, e in quelle americane e dell'Africa. Questa tecnica agricola sta diminuendo a causa dell'avanzamento dell'agricoltura intensiva la quale sfrutta maggiormente i terreni coltivabili e utilizza in modo massiccio i concimi e gli antiparassitari, oltre al contributo dei cambiamenti climatici che tendono ad indebolire la fertilità del terreno attraverso i cambi repentini di temperatura e umidità.

Il futuro dell'agricoltura estensiva sta dunque nel cercare, da parte dei paesi maggiormente coinvolti, di favorire l'utilizzo di questa tecnica agricola.
Meno invasiva e che richiede un sfruttamento del terreno più leggero, utilizzandolo anche a favore dei pascoli e consentendo il tempo necessario alla rigenerazione le caratteristiche come la fertilità e la capacita di mantenimento della quantità d'acqua per le future colture.