• Durata della vita di una pianta

    Alcune piante vivono solo per una stagione di crescita, mentre altre possono vivere per centinaia o addirittura migliaia di anni.
  • Categorie di un processo industriale

    Un materiale amorfo può cosi subire un processo industriale completo suddiviso in determinate categorie come la sua formatura, la successiva trasformazione o deformazione completa, l'unione o assemblaggio con altre parti precedentemente lavorate oppure la sua completa o parziale suddivisione in più parti e l'asportazione di materiale considerato in eccesso (materiale di scarto).
  • Responsabilità aziendale e cambiamento del modello di consumo della plastica

    Le aziende hanno un ruolo cruciale nella riduzione dell'uso di plastica, attraverso la responsabilità sociale d'impresa e l'adozione di pratiche ecologiche, le aziende possono contribuire a ridurre la quantità di plastica utilizzata nei loro prodotti e processi produttivi.
  • Definizione di combustibile

    Il combustibile è quella sostanza che, attraverso un processo di combustione, subisce una diminuzione di elettroni aumentando la sua ossidazione con una conseguente produzione di energia termica.

Alimentazione e cambiamenti climatici: un legame per il futuro del pianeta? (Alimentazione)

Alimentazione e cambiamenti climatici: un legame per il futuro del pianeta?

Frequently Asked Questions - Alimentazione

Categoria: Alimentazione | Giovedi 29 Giugno 2023 - 19:23:32

Negli ultimi anni, il tema dei cambiamenti climatici è diventato sempre più centrale nel dibattito pubblico e politico a livello globale.

La scienza: emissioni di gas serra aumenteranno le temperature


La scienza è chiara: le emissioni di gas serra prodotte dalle attività umane stanno causando un innalzamento della temperatura terrestre, con conseguenze drammatiche per gli ecosistemi e l'umanità.
Tra le varie cause di questo fenomeno, un fattore cruciale e spesso sottovalutato è l'alimentazione.

Esiste un forte legame tra alimentazione e cambiamenti climatici, anche per questo esistono possibili soluzioni per ridurre l'impatto ambientale delle nostre scelte alimentari.

Impatto dell'alimentazione sui cambiamenti climatici


L'agricoltura, l'allevamento e la produzione di cibo sono responsabili di una parte significativa delle emissioni di gas serra.
Secondo la FAO (Food and Agriculture Organization of the United Nations), il settore agroalimentare contribuisce per circa il 26% delle emissioni globali.
Di queste, circa il 14,5% proviene dall'allevamento di bestiame, mentre il resto è attribuibile all'agricoltura e alla produzione di colture.

Le emissioni di gas serra derivano da diverse fonti nel settore agroalimentare.
Per esempio, la produzione di carne e latticini richiede grandi quantità di risorse, come acqua, energia e terreno.

L'allevamento di bestiame produce metano (un gas serra molto potente) attraverso la digestione enterica e la gestione del letame.
Inoltre, la deforestazione per creare nuove aree di pascolo e coltivazione contribuisce all'aumento delle emissioni di CO2, dato che gli alberi assorbono questo gas mentre crescono.

È importante sottolineare che non tutti i cibi hanno lo stesso impatto sul clima.
In generale, i prodotti di origine animale (carne, latticini, uova) hanno un impatto ambientale maggiore rispetto a quelli di origine vegetale (frutta, verdura, cereali, legumi).

Tra i prodotti animali, la carne di manzo e di agnello sono particolarmente impattanti, a causa delle elevate emissioni di metano associate all'allevamento di questi animali.

Dieta sostenibile e riduzione delle emissioni


Per affrontare il problema dei cambiamenti climatici, è fondamentale cambiare le nostre abitudini alimentari e adottare diete più sostenibili.

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista scientifica "Nature", se tutti adottassimo una dieta basata principalmente su vegetali, si potrebbe ridurre il 50% delle emissioni di gas serra legate all'agricoltura entro il 2050.

Una dieta sostenibile non significa necessariamente diventare vegani o vegetariani, ma ridurre il consumo di carne e altri prodotti di origine animale, e aumentare l'apporto di alimenti vegetali.
Questo tipo di dieta, oltre ad essere ecologicamente sostenibile, è anche salutare: numerosi studi hanno dimostrato che una dieta ricca di frutta, verdura, cereali integrali e legumi è associata a un minor rischio di malattie croniche come obesità, diabete e malattie cardiovascolari.

Ecco alcuni suggerimenti per adottare una dieta più sostenibile:
  • Ridurre il consumo di carne, soprattutto di manzo e agnello, e sostituirla con proteine vegetali come legumi, tofu e tempeh.
  • Limitare il consumo di latticini e preferire alternative vegetali, come latte di soia, di mandorla o di avena.
  • Consumare prodotti stagionali e locali, per ridurre l'impatto ambientale del trasporto e della conservazione.
  • Evitare sprechi di cibo, pianificando i pasti e conservando adeguatamente gli alimenti.
  • Preferire alimenti biologici e a basso impatto ambientale, quando possibile.


Ruolo del settore agroalimentare e delle politiche pubbliche


Oltre alle scelte individuali, è importante che il settore agroalimentare e le istituzioni politiche si impegnino per ridurre l'impatto ambientale dell'alimentazione.

Alcune possibili strategie includono:
  • Promuovere pratiche agricole sostenibili, come l'agroecologia, che riducono l'utilizzo di fertilizzanti e pesticidi chimici, migliorano la gestione del suolo e dell'acqua e favoriscono la biodiversità.
  • Sostenere la ricerca e lo sviluppo di alternative a base vegetale e di proteine cellulari, come la carne coltivata in laboratorio, che potrebbero ridurre significativamente l'impatto ambientale della produzione di carne.
  • Implementare politiche fiscali e di mercato che disincentivino il consumo di prodotti ad alto impatto ambientale e incentivino quelli a basso impatto, attraverso l'uso di tasse, sovvenzioni e etichettatura informativa.
  • Investire nell'educazione alimentare e nella promozione di diete sostenibili, attraverso campagne informative, programmi scolastici e linee guida nutrizionali basate sull'evidenza scientifica.
  • Promuovere la cooperazione internazionale per affrontare i problemi legati all'alimentazione e ai cambiamenti climatici, attraverso accordi e politiche globali che promuovano lo sviluppo sostenibile e la riduzione delle emissioni di gas serra.


L'alimentazione è un fattore cruciale nel contesto dei cambiamenti climatici, e le scelte alimentari che facciamo ogni giorno hanno un impatto significativo sull'ambiente.
Per affrontare questo problema, è necessario un approccio integrato che coinvolga sia gli individui che il settore agroalimentare e le istituzioni politiche.

Adottare una dieta più sostenibile, basata principalmente su alimenti di origine vegetale, può contribuire significativamente a ridurre le emissioni di gas serra e limitare gli effetti dei cambiamenti climatici.
Allo stesso tempo, è importante che il settore agroalimentare si impegni per promuovere pratiche sostenibili e ridurre l'impatto ambientale della produzione di cibo.
Infine, le politiche pubbliche devono sostenere queste trasformazioni e promuovere un modello alimentare che sia sostenibile, salutare e accessibile a tutti.

In conclusione, affrontare il legame tra alimentazione e cambiamenti climatici è una sfida cruciale per il futuro del nostro pianeta.
Solo attraverso un impegno collettivo e l'adozione di soluzioni integrate e sostenibili, potremo garantire la salute del nostro pianeta e delle generazioni future.

Torna su