Conseguenze inevitabili

Le inevitabili conseguenze del cambiamento climatico saranno sempre più evidenti con il passare degli anni, sia dal punto di vista climatico che da quello dell'approvvigionamento alimentare.

Opera dell'uomo

L'agricoltura

Agricoltura Agricoltura

L'agricoltura è la coltivazione di varie specie vegetali dalle quali l'uomo ottiene il proprio sostentamento.

Perché a differenza dell'acqua il ghiaccio non è trasparente?

Anche in questo caso è sempre una questione di fisica e il ghiaccio, a differenza di quanto accade per l'acqua, non è mai del tutto trasparente, assumendo spesso colorazioni che spaziano dal bianco assoluto al blu intenso.

Agricoltura e produzione di cibo - cicli inquinanti e gas serra

Il cibo che produciamo e che successivamente mangiamo viene prodotto dopo fasi più o meno lunghe.

A che altezza è lo zero termico?

Generalmente l'altezza dello zero termico è intorno ai 3.900 mt s.l.m che aumenta durante l'arco della giornata per effetto dell'aumentare delle temperature diurne.

Funzionamento di un impianto di cogenerazione

In una centrale termica convenzionale l'energia ricavata attraverso l'utilizzo di combustibili fossili viene dispersa nell'ambiente e questo genera spesso un costo di produzione inadeguato per l'intero processo produttivo.

Le categorie di microplastiche

Le microplastiche sono generalmente dei piccoli pezzi di materiale plastico (in molti casi piccolissimi).

Gli ecosistemi sono unità ecologiche naturali

Un ecosistema è un unità ecologica o unità funzionale che è fondamentale per l'intera ecologia, può essere definito anche come un insieme sistemico che è composto da esseri viventi (animali e vegetali) e dalle varie componenti inanimate che insieme creano l'intero ambiente circostante.

Come l'agricoltura contribuisce al cambiamento climatico?

Tutto il cibo che che arriva sulle nostre tavole compie un lungo viaggio fatto di decine e decine di passaggi, produttivi e conservativi.

Conseguenze dei cambiamenti climatici

Le conseguenze globali sul pianeta

Popolazioni e mercati vittime dei cambiamenti climatici.

conseguenze dei cambiamenti climatici

I cambiamenti climatici sono l'enorme problema che interessa, ed interesserà sempre di più, tutti i paesi del mondo, nessuno escluso. Dalle calotte polari all'innalzamento del livello dei mari, fino ad arrivare alle differenti quantità di precipitazioni in varie parti del pianeta e alle ondate di calore, sempre più presenti nell'arco di un anno.

Il cambiamento climatico farà emergere le differenze climatiche ed economiche

E' proprio questa marcata differenza di precipitazioni in alcune regioni a dispetto della siccità presente in altre che il cambiamento climatico in atto si evidenzia con maggior chiarezza.
Ne risentiranno tutte le popolazioni del mondo e di conseguenza le loro economie locali, alterando negli anni le naturali competizioni dei mercati, rendendoli sterili e improduttivi.

Falsità e ipocrisia sui cambiamenti climatici

La falsa e ingenua coscienza, che molti hanno sul problema dei cambiamenti climatici, non fa altro che peggiorare ulteriormente la situazione climatica del nostro pianeta.
Molti scienziati e luminari ritengono che ci sia sempre meno tempo per poter agire concretamente e scongiurare l'inevitabile disatro ambientale.
I tempi sono sempre più stretti e i fondi sempre meno disponibili dalle varie economie mondiali, che fanno convegni promettendo interventi celeri e concreti ma che alla fine vengono sistematicamente rimandati o ridotti a soluzioni di minimo impatto.

Le conseguenze del riscaldamento globale e i fenomeni atmosferici

A causa dell'aumento della temperatura globale del Pianeta assisteremo sempre più spesso a condizioni metereologiche estremne che causernno lunghi periodi di siccità alternati da altrettanti di forte piovosità e turbolenza climatica.
Tra gli effetti più preoccupanti per l'intera umanità, ci sarà un progressivo aumento di fenomeni atmosferici estremi con ricadute pesanti sull'agricoltura e sulla disponibilità dei terreni coltivabili di mantenere le produzioni attuali.

A partire dai primi anni del ventesimo secolo stiamo assistendo ad un graduale, e sempre più evidente, inasprimento dei fenomeni climatici estremi come i cicloni tropicali (chiamati cosi per le loro orgini prettamente tropicali) che si stanno verificando anche in zone dove prima sarebbe stato impensabile trovarne come nel Mediterraneo.
L'Europa meridionale vede sempre più spesso il verificarsi di eventi alluvionali a causa del verificarsi, sempre più spesso, di periodi molto umidi che la espone ad essere colpita più facilmente da perturbazioni molto pesanti, mentre in altre parti avanza la desertificazione a causa dei lunghi periodi in assenza di precipitazioni.

Gli incendi diventano sempre più frequenti e devastanti

Il problema della siccità che imperversa soprattutto nell'Europa Centrale, e continua inesorabilmente la sua marcia dai paesi dell'Africa Centro Settentrionale, sta causando un aumento sconsiderato degli incendi con la distruzioni di enormi zone boschive e macchie forestali per le quali occorreranno decine e decine di anni prima che si possano ripristinare.
Ne sono un esempio eclatante gli incendi che hanno recentemente distrutto gran parte della più grande foresta pluviale esistente al mondo, l'Amazzonia.

Situata nella parte Nord Ovest del Brasile questa grande foresta gode di un alto livello di biodiversità con migliaia di specie animali diverse e una sterminata e variegata quantità di specie vegetali.
Gli incendi che hanno devastato l'Amazzonia per gran parte del 2020 sono stati responsabili della distruzione di interi ecosistemi naturali che si sono evoluti in migliaia di anni consentendo la nascita e lo sviluppo di molteplici specie di organismi viventi animali e vegetali.

Scioglimento dei ghiacci perenni

A causa l'aumento delle temperature del pianeta i ghiacci perenni, che si trovano tipicamente nelle zone polari, si stanno inesorabilmente sciogliendo, e nei periodi invernali, la loro ricostituzione è sempre più insufficiente per affrontare i successivi periodi primaverili ed estivi.

Cosi la mancanza di massa ghiacciata non permette più una valida riflessione dei raggi UV provenienti dal Sole, i quali penetrano sempre più in profondità e con più frequenza contribuendo ad uno scioglimento maggiore e più veloce nel tempo.
La neve diventa sempre più scura a causa delle polveri trasportate dal vento e provenienti da aree completamente opposte del pianeta.
Questo fa si che la stessa neve aumenti la sua attrazione solare (essendo più scura) e diminuisca il potere di refrazione solare chiamata albedo.

Si crea cosi un circolo vizioso che trasforma una causa in concausa per altri tipi di sconvolgimenti del delicato equilibrio ecologico e naturale che abbiamo trovato sul nostro pianeta prima del nostro arrivo e che stiamo lentamente distruggendo.

Innalzamento del livello dei mari

Il Global Warming sta creando una situazione climatica sconvolgente che si riflette su tutti gli equilibri del sistema ambiente, un insieme di ecosistemi e habitat naturali che ha permesso per miliardi di anni la nascita e lo sviluppo della vita pluricellulare e che sta lentamente soccombendo a causa dei cmbiamenti climatici provocati dalle attività antropiche.

L'aumento delle temperature terrestri causa lo scioglimento dei ghiacci è quasto comporta un enorme riversamento di acqua dolce nei mari salati del Polo Nord e del Polo Sud.
La diretta conseguenza di certi eventi è in primis l'aumento del livello dei mari che mette a rischio la sopravvivenza stessa dell'uomo divorando lentanmente le coste e le relative città costiere sparse in tutto il globo. Altre conseguenze dell'innalzamento dei mari sono l'acidificazione delle acque marine e la loro lenta desalinizzazione a causa dell'immissione di acqua dolce proveniente dalle nevi sciolte.

Questo causerà una grave alterazione biologica all'interno degli ecosistemi acquatici (marino, oceanico, costiero, di acqua dolce, fiumi, laghi e stagni) hc eporterà all'estinzione di innumerevoli specie di organismi animali e vegetali, come pesci, coralli crostacei etc.

Maggiori conseguenze

Le cause del disastro

Le cause che stanno determinando un disastro annunciato, sono da ricercare nell'utilizzo sconsiderato delle risorse terrestri riconducibili ai combustibili fossili.

Che cosa è la clorofilla?

La clorofilla è un pigmento presente in tutte le piante ed è fondamentale per il loro sviluppo e sopravvivenza.

Classificazione del processo industriale

Il processi industriali vengono classificati in funzione del materiale di partenza che verrà lavorato/trattato per renderlo un prodotto finito.

Tipologie di Biodiversità

Tuttavia possiamo trovare sulla Terra più tipologie di Biodiversità, come quela acquatica o marina (che racchiude tutte le varie specie di pesci, piante, coralli, molluschi etc.) e la biodiversità terrestre che comprende le specie animali e vegetali (bipedi, quadrupedi, volatili etc.).

Inquinamento delle acque da cause naturali

L'inquinamento idrico può verificarsi da cause naturali come:

  • Terremoti
  • Tsnunami
  • Eruzioni vulcaniche
  • Alluvioni
  • Frane
  • Gas Radon (un gas radioattivo di origine naturale, inodore, incolore e insapore)
  • Arsenico presente all'interno delle rocce
  • Deposizioni atmosferiche
  • Escrementi degli animali
  • Piogge acide (riconducibili indirettamente all'uomo)

Tipologie di habitat esistenti sulla Terra

I tipi di habitat naturali si distinguono in habitat costieri, habitat d'acqua dolce, habitat forestali, habitat rocciosi, habitat erbosi (naturali e semi naturali).

Agricoltura biologica: fauna e flora locale

In agricoltura le tecniche biologiche prevedono anche l'utilizzo esplicito di piante e specie animali adatte all'ambiente locale, cosi come il bestiame che deve essere allevato all'aria aperta e non all'interno di casolari o capannoni.

Domande & Risposte sul cambiamento climatico
Torna su