Effetti Stocastici: esposizione a radiazioni ionizzanti

Per riuscire a manifestarsi, gli effetti stocastici non richiedono il superamento di un valore di soglia della dose assorbita.

Applicare la sostenibilità

L'applicazione della sostenibilità prevede grandi investimenti sul piano tecnologico e industriale e la creazione di nuove norme istituzionali per regolamentare le produzioni e gestire gli impatti sociali.

Depauperamento e acidificazione del suolo forestale

Conseguentemente a un elevato aumento di inquinanti in atmosfera, negli ecosistemi boschivi, questi agenti inquinanti causano eutrofizzazione e acidificazione del suolo.

Zero termico e Troposfera

Più si sale e più la temperatura diminuisce nella Troposfera.

Cosa sono le radiazioni? (Salute)

Cosa sono le radiazioni?

Frequently Asked Questions - Salute

Categoria: Salute | Mercoledi 30 Marzo 2022 - 12:02:33

Le radiazioni sono una forma di energia che può estendersi attraverso irraggiamento, flusso di particelle oppure onde ed è il termine è più utilizzato per far riferimento alle emissioni prodotte dalla fissione nucleare.

Esistono due tipologie di radiazioni, ionizzanti e non ionizzanti.

Che cosa sono le radiazioni ionizzanti?


Le radiazioni ionizzanti hanno una carica energetica elevata che permette, agli atomi della materia con la quale interagiscono, di essere ionizzati.

In questo modo gli atomi della materia, precedentemente neutri, vengono trasformati in particelle cariche elettricamente, chiamate ioni.
Gli ioni possono essere di due categorie:

  • Ioni corpuscolari
    • Particelle subatomiche che hanno carica elettrica, come i protoni e le radiazioni Alfa e Betaa.
  • Ioni non corpuscolari
    • Onde elettromagnetiche che hanno una frequenza molto alta, come i raggi X e i raggi Gamma (Y).

Le radiazioni corpuscolari riescono a ionizzare in modo diretto gli atomi della materia, mentre le onde elettromagnetiche e i neutroni, dotati di energia sufficiente, sono ionizzanti in modo indiretto.
Questo perchè la loro interazione con gli atomi della materia va a generare delle particelle direttamente ionizzanti che hanno la possibilità di causare effetti molto acuti nel in caso vengano assorbite con radiazioni in dosi elevate e in breve tempo.

Alcune circostanze possono essere rappresentate dagli incidenti che si verificano nelle centrali nucleari, cosi come in caso di esposizione continuativa e prolungata nel tempo, producendo effetti cronici anche con piccole dosi.

Questo tipo di radiazioni vanno a modificare il DNA delle cellule, determinando diverse conseguenze sulla salute, a seconda della tipologia di cellule interessate dall'irradiazione e da quanto invasiva è l'alterazione stessa.

Che cosa sono le radiazioni non ionizzanti?


Le radiazioni non ionizzanti, a differenza delle precedenti, hanno un energia molto più bassa e questo non gli consente di alterare i legami degli atomi.

Fra le radiazioni non ionizzanti troviamo:
  • Microonde
  • Infrarossi
  • Raggi UV
  • Radiofrequenze
  • Luce visibile
  • Campi elettrici statici
  • Campi magnetici statici
  • Campi elettromagnetici (a basse frequenze)

Le radiazioni non ionizzanti, che possono essere potenzialmente dannose, hanno un energia sufficientemente alta che può provocare modifiche a livello termico, meccanico ed avere effetti biologici (livello bioelettrico) sulla materia organica degli esseri viventi.

Radiazioni: effetti biologici e termici


Gli effetti biologici che possono recare danno alla salute umana sono collegati ad una stimolazione di tipo elettrico dei tessuti (muscolare e nervoso).

Mentre gli effetti termici sono collegati al riscaldamento della materia e quindi degli atomi che la compongono e quindi un assorbimento di energia elettromagnetica.

Torna su