Sviluppo Sostenibile

Lo sviluppo sostenibile ha come obiettivo l'armonizzazione dei processi produttivi con il rispetto dell'ambiente e l'ottimizzazione delle risorse disponibili.

Come l'agricoltura contribuisce al cambiamento climatico?

Tutto il cibo che che arriva sulle nostre tavole compie un lungo viaggio fatto di decine e decine di passaggi, produttivi e conservativi.

Scongelamento del Permafrost

Durante i periodi più caldi dell'anno il permafrost si scioglie perchè subisce delle alterazioni termiche scongelandosi in modo più o meno profondo ma pur sempre a livello superficiale, come ad esempio sui ghiacciai rocciosi o nelle regioni artiche.

Correlazioni fra virus Covid e inquinamento

Sembra proprio che il tasso di inquinamento presente nell'aria sia, in parte, una concausa del peggioramento del quadro clinico generale con conseguente diminuzione delle difese immunitarie.

Comportamento, stili e abitudini degli animali in relazione al clima

I cambiamenti climatici e gli animali.

Difficoltà di adattamento degli animali ai cambiamenti climatici

Animali - I cambiamenti climatici e gli animali Foto di Johannes Plenio da Pexels
Categoria: Animali | Lunedi 4 Aprile 2022 - 14:30:03

I cambiamenti climatici stanno creando profondi cambiamenti nel comportamento degli animali, delle loro risposte nei confronti dell'ambiente e delle altre specie animali.

Animali: adattarsi ai cambiamenti climatici


I cambiamenti climatici, indotti sempre più velocemente e radicalmente dalle attività antropiche, stanno mettendo in serie difficoltà molte specie animali che non hanno il tempo per adeguarsi ai nuovi cicli stagionali, dettati dalle temperature altalenanti e alle conseguenti ripercussioni climatiche.

La repentina modifica degli ecosistemi globali sta portando molte specie di animali a modificare le proprie abitudini.
Oltre ai cambiamenti a noi più visibili, provocati dal riscaldamento globale, gli stravolgimenti più pesanti vanno a toccare aspetti molto importanti come il tipo di comportamento di queste specie animali, il loro livello di socievolezza, cosi come quello della loro aggressività.

L'aumento delle temperature nell'acqua dei nostri oceani sta spingendo molte specie acquatiche a modificare la propria attività esplorativa,

Global Warming: nuovi studi sui dati comportamentali di oltre 100 specie animali


Comprendere le risposte comportamentali al rapido cambiamento ambientale indotto dall'uomo è uno dei fattori più importanti che oggi la scienza sta prendendo seriamente in considerazione.

Uno studio pubblicato su OIKOS fa una "revisione" di circa 200 studi già pubblicati, riguardanti il tema delle conseguenze del riscaldamento globale sugli animali.
Lo studio si concentra sul cambiamento dei molti aspetti che riguardano il comportamento di svariate specie animali, come il loro livello di aggressività, le attività che normalmente svolgono durante la loro giornata, il coraggio che dimostrano nell'intraprendere determinate azioni, il grado di socievolezza nei confronti dei propri simili e infine il livello di curiosità che spinge questi animali all'esplorazione del proprio ambiente/territorio e quella di nuove zone.

Le risposte comportamentali al cambiamento climatico


Le risposte comportamentali al cambiamento indotto dall'uomo sono spesso la prima reazione di un organismo vivente ad un rapido cambiamento dell'ambiente circostante.
I cambiamenti nel comportamento sono assai evidenti soprattutto per quanto riguarda la sfera riproduttiva, che evidenzia comportamenti più aggressivi e la spinta esplorativa che tende a rimanere molto limitata se non addirittura assente.

Questi risultati evidenziano quanto certi aspetti comportamentali vengano fortemente influenzati dai cambiamenti climatici, come il già citato limite nell'esplorazione di nuove zone geografiche, rimanendo più prudenti e mantenendo un comportamento conservativo, tipico del senso sopravvivenza a futuri effetti più gravi del riscaldamento globale.

Il cambiamento climatico indotto dall'uomo sta porta gli organismi viventi ad avere nuove varianti selettive, diverse da quelle che le stesse specie animali hanno sperimentato nel corso del loro storico sviluppo.

Differenti reazioni comportamentali in risposta al cambiamento climatico


Alcuni risultati dello studio hanno evidenziato una marcata differenza alle risposte comportamentali tra uccelli e pesci.
Nel caso degli uccelli le risposte comportamentali sono state più elevate, osservando un maggior livello di audacia tra ambienti urbani e rurali.

Nel caso dei pesci le risposte comportamentali erano meno evidenti, con una ricerca concentrata su una manipolazione della temperatura dell'acqua e della percentuale di CO2 contenuta nelle vasche.

Ambienti terrestri e marini: variabilità delle temperature


I cambiamenti climatici portano a cambiamenti più o meno evidenti della temperatura, certi cambiamenti sono più variabili negli ecosistemi terrestri, sia a lungo che e a breve termine.
Gli organismi terrestri stanno quindi sviluppando varie risposte per far fronte ai cambiamenti climatici che si verificano oggi e che varieranno la temperatura a lungo termine.

Differente è la situazione che si verifica negli ambienti marini, infatti la flora e la fauna marina non hanno ancora sviluppato particolari meccanismi per far fronte alla variabilità delle temperature terrestri nel breve termine, dando prova di risposte diversificate o meno incisive all'adattamento, rispetto agli organismi terrestri.
Anche per questo motivo è stato notato come le risposte comportamentali erano generalmente meno pronunciate nella fauna acquatica che nei volatili.

Risultati come questi dimostrano una differente risposta nei confronti del cambiamento di temperatura tra i due principali ecosistemi, quello terrestre e quello marino.

Domande & Risposte sul cambiamento climatico
Torna su