Nutrimento della pianta

Il saccarosio viene cosi trasportato alle varie parti della pianta, insieme all'amido primario formatosi dall'unione di più molecole di glucosio all'interno del cloroplasto.

Ridurre le emissioni inquinanti derivanti dal settore agricolo

Data l'importanza che il cibo riveste nella nostra vita quotidiana, è molto importante concentrare gli sforzi delle comunità per aumentare e accelerare la riduzione delle emissioni di gas serra provenienti dai settori agricoli, oltre che industriali.

L'accordo internazionale di Parigi del 2015

L'accordo internazionale di Parigi siglato nel 2015 chiede in sostanza di limitare il riscaldamento globale a 1.5 o 2 °C per non pregiudicare un aumento ancora più significativo che si avrà verso fine di questo secolo (nel 2100).

Perchè l'acqua del mare è blu?

Se osserviamo il mare notiamo che ha colore verde/blu e questo perchè l'acqua contenuta è tantissima, quindi le sue molecole sono sufficienti ad assorbire abbastanza radiazioni luminose, cioè quelle visibili della luce.

Quali sono le sostanze più inquinanti presenti nell'acqua? (Inquinamento)

Quali sono le sostanze più inquinanti presenti nell'acqua?

Frequently Asked Questions - Inquinamento

Categoria: Inquinamento | Mercoledi 9 Marzo 2022 - 17:24:50

Sono tante le sostanze che possono inquinare l'acqua e si dividono i sostanze organiche e inorganiche. Tra le prime troviamo i microrganismi di tipo virale e batteriologico, pericolosi per la nostra salute.
Troviamo poi i protozoi, un raggruppamento di organismi che sono parte dei protisti, organismi unicellulari come eterotrofi ed eucarioti.

Questi organismi possono insinuarsi nelle fognature e nelle acque non trattate, oltre a questi troviamo tutta una serie di altri batteri che sfruttano ossigeno e che vanno a decomporre i rifiuti gettati nelle fogne, consumandone i livelli presenti nell'acqua e privandone tutti gli altri organismi acquatici come i pesci.

Quali sono gli inquinanti inorganici presenti nell'acqua?


Nella maggior parte dei casi le sostanze inquinanti inorganiche presenti nelle acque sono quelle di tipo solubile come detersivi, acidi, liquidi corrosivi, sali e metalli pesanti.

Quali sono gli scarti delle attività industriali che inquinano le acque?


Oltre a questi composti inquinanti troviamo quelli prodotti dalle attività industriali come il piombo, il cromo, il mercurio e l'arsenico.
Tutte queste sostanze sono altamente tossiche per la vita di moltissimi organismi acquatici, come anche i residui industriali derivanti dal petrolio e i composti chimici inorganici, prodotti come scarti dalle aziende farmaceutiche.

Quali sono i residui radioattivi solubili che inquinano le acque?


Sono tante le attività umane che portano alla produzione di materiali radioattivi che, arrivati alla fine del proprio ciclo produttivo, diventano inevitabilmente rifiuti radioattivi.

Pensiamo ad esempio alle attività di diagnostica e terapia in campo medico come la radioimmunologia e la radioterapia.

Tutte quelle attività riconducibili alla ricerca scientifica e quelle dell'industria agroalimentare che ne fa uso per la sterilizzazione delle derrate agricole (prodotti agrari di largo consumo, come olii, grani e cereali, cacao e caffè, zucchero, etc.) per irraggiamento.

Abbiamo anche rifiuti radioattivi che provengono dalle attività del ciclo del combustibile nucleare e che vengono prodotto negli impianti designati alla produzione di energia elettrica.

Quale è la composizione dei rifiuti radioattivi?


I rifiuti radioattivi si costituiscono principalmente di materiale (solido o liquido) contaminato da sostanze radioattive che si distribuiscono in modo omogeneo su tutta la massa.

Questi rifiuti radioattivi possono emettere radiazioni per milioni di anni con effetti molto negativi sia per l'ambiente circostante che per l'uomo.
Tuttavia l'intensità delle radiazioni prodotte da ogni singolo materiale radioattivo, tende a diminuire con il passare del tempo.

E' quindi di fondamentale importanza ridurre al massimo i tempi di raccolta, stoccaggio ed eliminazione dei materiali inquinanti.

Torna su