• Policlorobifenili: un pericolo per l'uomo

    Proprio per la loro capacità di riuscire ad entrare nella catena alimentare, riescono a raggiungere l'uomo attraverso il consumo di grassi contenuti nella carne animale.
  • La sostenibilità tecnologica favorisce lo sviluppo sostenibile

    La capacità di un attività di appesantire quanto meno possibile sull'ambiente, alleggererendo la propria impronta ecologica, promuovendo la corretta formazione per uno stile produttivo non invasivo.
  • Il cromo

    Il cromo è un metallo presente abbondantemente in natura insieme altre specie chimiche, la sua presenza può assumere diverse forme, le quali hanno anche delle specifiche proprietà chimico fisiche e tossicologiche.
  • Cambiamenti climatici e lavoro

    Gli effetti dei cambiamenti climatici con il mondo del lavoro sono collegati attraverso i rischi, sempre maggiori, di perderlo ma anche dalle altrettante maggiori opportunità di trovarne di nuovo.

Cos'è la deforestazione? (Ambiente)

Cos'è la deforestazione?

Frequently Asked Questions - Ambiente

Categoria: Ambiente | Mercoledi 4 Novembre 2020 - 13:19:29

La deforestazione o disboscamento è la distruzione della vegetazione boschiva o forestale (alberi, arbusti, cespugli) causata principalmente delle attività umane.

L'area rappresentata da boschi e foreste occupa circa un terzo della superficie del nostro pianeta e svolge un ruolo molto importante per il mantenimento e la salvaguardia dell'ambiente stesso.

Queste aree sono patrimonio naturale che si è sviluppato in milioni di anni, adattandosi in modo naturale a tutti quegli eventi che hanno scaturito dei cambiamenti biologici nel tempo.

Perdite naturali ed economiche


La ricerca della materia prima ha portato alla progressiva deforestazione di intere aree forestali ed aree verdi naturali.

Il disboscamento perpetrato dall'uomo è un problema assai noto quanto pericoloso per la nostra stessa esistenza, con la sua continua avanzata per scopi economici.
La deforestazione (o disboscamento) è una perdita continua di biodiversità che ogni anno riduce notevolmente l'assorbimento dell'anidrite carbonica diminuendo il contrasto all'effetto serra che attanaglia soprattutto i paesi in via di sviluppo.

Milioni di ettari di piante ed alberi presenti nelle foreste tropicali vengono abbattute per gli scopi economici dei paesi sviluppati, rendendo la popolazione mondiale sempre più povera di biodiversità ed ecosistemi naturali.

Oltre alla perdita di una fondamentale risorsa economica (di tipo rinnovabile), i boschi e le foreste sono un indispensabile supporto per le attività turistiche che danno lavoro a migliaia di persone e producono una buona parte del Prodotto Interno Lordo (PIL) di un paese (soprattutto in Italia).

Trasformazione del territorio causato dal disboscamento


La trasformazione del territorio attraverso il disboscamento (anche se fatto in modo selettivo) da parte di agricoltori e aziende di legname, rende le zone forestali e boschive, un tempo folte e umide, dei territori aperti e più secchi.

La mancanza di umidità, prodotta grazie all'ombra delle piante, e la creazione di maggiori spazi, aumenta il rischio di incendi nel periodo estivo e predispone l'intero territorio ad eventi alluvionali data la mancanza di drenaggio dell'acqua da parte degli alberi.

I cambiamenti climatici stanno accentuando la desertificazione dei territori boschivi e l'uomo, con le sue azioni, facilita l'avanzamento del cambiamento climatico sull'ambiente e quindi anche su se stesso.

Torna su