Potrebbe interessarti anche...

Nel Parco Nazionale Kenyano di Amboseli, all'ombra del Kilimangiaro in Kenya, sono nati ben 140 cuccioli di elefante dall'inizio della pandemia da Covid-19....
Recentemente sono state scoperte ben 5.500 nuove specie di virus a RNA nelle acque degli oceani....
Dopo anni di studi e simulazioni gli scienziati di tutto il mondo si sono fatti più di un idea sulle conseguenze catastrofiche causate da un evento cosmico del genere....
Dopo mesi di lotta contro una pandemia di livello mondiale scatenata dal Coronavirus (SARS-CoV-2), ci ritroviamo oggi col dover affrontare anche le sue nuove mutazioni, come la variante inglese B.1.1.7 e in un ultima la variante sudafricana, la 501.V2....
Il progresso economico e sociale di paesi come la Cina, l'India e tutti quei paesi dell'Asia meridionale, è di molto superiore a quello che si pensava potessero arrivare anni fa....
Nonostante siamo ancora agli inizi dell’autunno 2020, gli esperti hanno identificato una grande massa atmosferica che potrebbe condizionare il prossimo inverno in Italia....
L'utilizzo della plastica monouso è divenuta ormai parte della nostra vita quotidiana al punto da diventare un serio pericolo per l'ambiente e tutte quelle creature che vivono grazie ad esso, noi compresi....
Nelle ultime 24 ore sono stati registrati oltre 54 gradi centigradi di temperatura nella parte occidentale degli Stati Uniti, più precisamente nella Death Valley (furnace creek)....
Nonostante i risultati evidenti degli studi scientifici e di prove inconfutabili, che ognuno di noi sta osservando nel territorio in cui vive, ancora in molti sono tutt'oggi reticenti e sostanzialmente negazionisti nei confronti dei cambiamenti climatici....
Siamo abituati a considerare l'alimentazione mediterranea una cosa scontata ma quali sono effettivamente i vantaggi e i benefici conseguenti al nostro modello di alimentazione?...

La produzione e il consumo di cibo nel mondo

La produzione e il consumo di cibo nell'era dei cambiamenti climatici è divenuta sempre più una corsa contro il tempo a chi riuscirà ad accaparrarsi maggiori risorse naturali per la produzione alimentare e industriale.

Policlorobifenili: Persistent Organic Pollutants

I policlorobifenili sono stati associati a un alto rischio cancerogeno (I livello IARC) nel 2013, rientrando fra i Persistent Organic Pollutants (POP's) e vietata la loro produzione dal 1980.

Altre sostanze inquinanti del terreno sono:
    Sostanze inquinanti di tipo inorganico
  • Rame
  • Ferro
  • Nickel
  • Mercurio
  • Cromo
  • Piombo
  • Manganese
  • Fluoro
  • Zinco
  • Silicio
  • Iodio
  • Selenio
    Sostanze inquinanti di tipo organico
  • Azoto
  • Patogeni
  • Inquinanti organici persistenti (POPs)
  • Fosforo
  • Radionuclidi
    • Sostanze inquinanti organiche - Pesticidi
    • Aldrin
    • Endrin
    • Dieldrin
    • DDT
    • Mirex
    • Toxafene
    • Eptacloro
    • Esaclorocicloesano
    • Esclorobenzene
    • Sostanze inquinanti organiche - Prodotti industriali
    • Policlorobifenili
    • Esabromobifenili
    • Sostanze inquinanti organiche - Sottoprodotti industriali
    • Furani
    • Diossine

Alcune tra le sostanze più inquinanti al mondo

Esistono delle sostanze inquinanti maggiormente tossiche e pericolose per l'uomo e la
biodiversità terrestre.

  • CADMIO

    Il carbonio di tipo gassoso

    Il carbonio di tipo gassoso viene rilasciato e riassorbito in modo ciclico dai mari, dalle terre emerse (suolo, rocce etc.) e dalla vegetazione.

    Agenti ambientali ad effetto deterministico

    Gli agenti ambientali che possono causare un effetto deterministico sono caratterizzati dall'esistenza di una soglia minima, al di sotto della quale, i danni possono non verificarsi e da una soglia oltre la quale il danno può portare ad un peggioramento.

    Trasformazione del territorio causato dal disboscamento

    La trasformazione del territorio attraverso il disboscamento (anche se fatto in modo selettivo) da parte di agricoltori e aziende di legname, rende le zone forestali e boschive, un tempo folte e umide, dei territori aperti e più secchi.

Torna su